Telefono0521 841900H24 Emergenze +39 331 9145483H24 Emergenze Buiatria+39 349 6052345info@cvsm.net

Mastite bovina da Stafilococchi coagulasi negativi

manza-1200x800.jpg
01/Feb/2020


Gli Stafilococchi coagulasi negativi (CNS) sono microrganismi tipicamente presenti sia a livello della cute della mammella e del capezzolo delle bovine, sia sulla cute dell’uomo e sono considerati patogeni opportunisti.

Spesso sono presenti in campioni di latte di manze già al momento del parto, in campioni di latte di bovine con mastite subclinica e, solo occasionalmente, in campioni di latte di bovine con mastite clinica.

Come si presenta una mastite da CNS?

Essendo patogeni minori, molto spesso l’entità dei segni clinici è relativamente lieve.

Quando si hanno infezioni subcliniche si assiste a un lieve rialzo della SCC e frequentemente molti di questi casi guariscono spontaneamente.

Tuttavia, ci sono alcune specie di CNS che determinano infezioni persistenti, riconoscibili perché la SCC si mantiene alta per diversi mesi.

Gli CNS causano anche occasionali casi di mastiti clinica che, tuttavia, sono spesso di lieve entità.

Fonti di infezione

Gli CNS sono batteri residenti sulla cute della mammella e del capezzolo di bovine sane e penetrano nell’organismo quando la disinfezione dei capezzoli non è ottimale e le difese immunitarie dell’ospite sono ridotte.

Inoltre, bisognerebbe anche considerare le mani dei mungitori come possibile veicolo di trasmissione di tali batteri.

Come si effettua la diagnosi?

Come per altri agenti di mastite, non si può giungere a una diagnosi eziologica solo mediante la valutazione dei segni clinici ma è necessario condurre un esame batteriologico del campione di latte prelevato in sterilità dai quarti interessati.

Gli CNS sono batteri gram + e per essere distinti da  Staphylococcus aureus necessitano ulteriori test di laboratorio, come il test della coagulasi.

Trattamento

In caso di mastite subclinica, il trattamento durante la lattazione non è considerato economicamente vantaggioso perché spesso si ha guarigione spontanea e non si ha un grande impatto sulla produzione lattea.

Invece, i casi di mastite clinica dovrebbero essere trattati e la durata del trattamento dovrebbe essere breve perché spesso le infezioni sostenute da CNS sono molto superficiali.

Quando si rinviene l’infezione mammaria da CNS in primipare nell’immediato post-parto non è necessario iniziare il trattamento perché nella maggior parte dei casi si ha guarigione spontanea.

Prevenzione e controllo delle mastiti da CNS

Bisogna considerare che gli Stafilococchi coagulasi negativi sono patogeni opportunisti e hanno come reservoir principale la cute della mammella. Quindi il controllo dovrebbe principalmente basarsi su un efficace sistema di pre- e post-dipping per controllare l’esposizione a questo microrganismo e sull’impiego della terapia antibiotica in asciutta per ogni quarto di tutte le bovine in modo tale da rimuovere le infezioni subcliniche.

Ricapitolando…

  • Gli CNS considerati patogeni minori responsabili di infezioni opportunistiche che occasionalmente causano aumento di SCC e molto raramente mastite grave.
  •  Sono un gruppo di Stafilococchi differenziabili da S.aureus con test specifici.
  • Quando si instaura un’infezione, questa è spesso autolimitante e al massimo richiede una terapia di breve durata.
  • Il controllo dovrebbe basarsi su idonei pre- e post-dipping e terapia antibiotica alla messa in asciutta.

Autore: Dr. Centonze Giovanni





DA SEMPRE, CON VOI




+39 331 9145483 CLINICA

+39 349 6052345 BUIATRIA


AUTORIZZAZIONE SANITARIA 898/2012

Direttore Sanitario Dr. Giacomo Riva iscritto all’Ordine dei Veterinari di Parma al n° 487




Copyright Centro Veterinario San Martino 2018. Tutti i diritti riservati. P.IVA: 02782610345



Copyright Centro Veterinario San Martino 2018. Tutti i diritti riservati. P.IVA: 02782610345